Thomas Cook: danno da 300 mln agli hotel solo in Italia

News by
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Il crac del tour operator inglese Thomas Cook, e quello del portale di prenotazioni Amoma sta creando enormi problemi ai turisti. Quest’ultimo ha raccolto i soldi degli ignari viaggiatori fino a pochi minuti dal fallimento, e poi, con una mail, ha avvisato tutti dei problemi, imputati, a loro dire, a grandi piattaforme come Trivago e Tripadvisor che sono sostanzialmente dei motori di ricerca che mostrano le offerte dei vari operatori, tra cui Amoma, pretendendo però ricche percentuali fissate in maniera unilaterale e per importi che uccidono le imprese.

I turisti in questi giorni sono completamente in balia degli eventi, arrivano negli alberghi dopo aver anticipato i loro importi ad Amoma e si sentono rispondere di non aver alcuna prenotazione e di dover eventualmente pagare una seconda volta per accedere alle stanze. Un disastro ancora maggiore è quello provocato dal default di Thomas Cook, il tour operator inglese che al momento ha in giro per il mondo oltre 600 mila turisti.

Leggi tutto su Assinews.it