Farina: assicurazioni interlocutore affidabile nella gestione del risparmio

News by
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Il presidente dell’Ania, Maria Bianca Farina, è intervenuta nel corso di un’audizione in commissione Finanze alla Camera in relazione all’Indagine conoscitiva sulle tematiche relative ai rapporti tra gli operatori finanziari e creditizi e la clientela.

Farina ha illustrato il ruolo delle assicurazioni e lo sviluppo raggiunto dal settore assicurativo italiano, anche con riferimento al risparmio delle famiglie.

“L’industria assicurativa italiana è solida”, ha ribadito Farina: il patrimonio netto ammontava, a fine 2015, a 66 miliardi e l’indice di solvibilità, secondo le regole di Solvency I, ossia il rapporto tra il capitale detenuto effettivamente e quello minimo previsto dalla legge, è pari a 1,5 nell’assicurazione vita e a 2,8 nei rami danni, livelli di assoluta sicurezza. I primi dati calcolati secondo il nuovo regime di vigilanza Solvency II attestano nel complesso un ulteriore miglioramento degli indici di solidità patrimoniale.

Per quanto riguarda le nuove norme di solvibilità l’assicurazione italiana è preparata e in grado di far fronte senza difficoltà ai nuovi requisiti, forte di un modello di business capace di resistere alle più forti turbolenze finanziarie. Eventuali cambiamenti normativi nel prossimo futuro, ad esempio, l’introduzione di requisiti patrimoniali specifici per il rischio sovrano, potrebbero invece intaccare tale modello, mettendo in crisi un sistema assicurativo che ha sempre dato prova di grande stabilità.

“La solidità della nostra industria, conclude Farina, attestata anche dai livelli di patrimonio detenuti, è da ascrivere al comportamento oculato delle imprese, al modello di business improntato a logiche di lungo periodo e alla regolamentazione prudenziale, volta a garantire la stabilità del settore e la tutela degli assicurati. La maggiore consapevolezza dei risparmiatori sulle loro esigenze, favorita anche dalle nostre iniziative di educazione finanziaria, potrà consentirci di fornire servizi sempre più adeguati alle aspettative dei nostri clienti.

Leggi tutto su Assinews.it